Il Mondo delle gemme

Berillo, magia di colori


Il colore ci stimola immediatamente le emozioni, rendendoci felici, vivaci o calmi e liberi. Dove possiamo trovare i colori migliori se non in una pietra? Nell'affascinante mondo delle pietre gli smeraldi mostrano il verde più bello che si possa immaginare. Le acquemarine diffondono ogni sfumatura di blu- dal blu chiaro del cielo al profondo blu del mare. E l'affascinante morganite rosa affascina le donne di tutto il mondo. Solo poche persone sanno che tutte queste differenti pietre appartengono alla stessa famiglia. Aquamarina, Smeraldo e Morganite sono tutti berilli proprio come il berillo dorato, l'eliodoro verde dorato e l'incolore Goshenite. Non c'è differenza nella struttura chimica del blu, giallo, verde, incolore o rosa, esse sono di base identiche, differiscono soltanto nel colore.

 Per quale motivo? La storia è antica ed affascinante, successe milioni di anni fa, quando all'interno della terra l'alta pressione e l'enorme calore crearono i cristalli naturali. I berilli sono in effetti Berillo alluminio silicato. Gli incolore come il berillo puro (vedi goshenite), la loro struttura permette un'integrazione di varie sostanze, che causano l'apparire di differenti colori quali, il verde, giallo, rosa di una rara bellezza.

Il responsabile del blu del berillo è il ferro ed è questo materiale che fa si che si crei una delle gemme più popolari , l'Acquamarina. Essa spesso si presenta in color verde mare. E’ la preferita di molti designer ed è la protagonista di molte positive credenze. E’ quasi sempre pura, solo a volte presenta piccole inclusioni, ha una buona durezza ed una bellissima luce.

Lo smeraldo, il più prezioso di tutti i berilli deve il suo colore al cromo ed al vanadio, che gli consentono di mostrare il più bel verde tra tutte le pietre, il verde smeraldo. Minime inclusioni, fessure e segni, non solo, sono tollerate in questa pietra preziosa, ma sono addirittura considerate una caratteristica di autenticità. Gli esperti amano chiamare le inclusioni caratteristiche nello smeraldo "jardin"(=giardino).

Il colore del berillo è completamente differente in caso di presenza di manganese. Tale elemento induce un leggero e molto femminile color rosa pesca, che viene poi detto Morganite, probabilmente la più conosciuta del gruppo dei berilli insieme a Smeraldo e Acquamarina. Precisamente essa è conosciuta semplicemente come"berillo rosa" ed è chiamata "Morganite" dal 1911 in onore del banchiere ed amatore delle gemme John Pierpoint Morgan. Questa gemma è particolarmente generosa in dimensioni, ed infatti la bellezza del suo colore è apprezzabile solo ad una certa grandezza, normalmente dal rosa pallido al viola pallido.

Piccole tracce di uranio sono sufficienti per aggiungere una tonalità dorata al berillo incolore. Questa gemma mostra anche la stessa buona qualità della sua sorella blu Acquamarina. Normalmente si trova nelle stesse miniere in cui si trova l'Acquamarina. Il berillo dorato ci affascina per le sue gamme infuocate di gialli, dal più pallido limone fino alla calda sfumatura di giallo. Al contrario dello smeraldo essa presenta solamente rare inclusioni.

Il ferro e l'uranio combinati, sono responsabili della freschezza e del vigore del giallo verde di un'altra varietà di berillo, l'Eliodoro. La pietra prende il suo nome dalla parola greca "helios" che significa "sole" e "doron" che significa regalo. Eliodoro è un regalo del sole all'umanità.

Di tanto in tanto ci sono Berilli senza tracce di elementi in grado di dare il colore alla pietra. In questi casi, abbiamo semplicemente berilli incolore, chiamati Goshenite dal nome del luogo di ritrovamento a Goshen in Massachessetts/USA. I berilli incolore sono gemme rare e di poca importanza. In ogni caso la loro storia è piuttosto importante, poichè pare sia responsabile della parola tedesca "Brille" che significa spettacolo. Fin dall'antichità esso era originariamente utilizzato per le lenti da spettacolo.

Il nome Berillo ha le sue origini in India. Basata sulla parola sanscrita "veruliyam" un antico termine per la gemma Crisoberillo - da queste radici si è poi sviluppata la parola greca "beryllos".

I berilli sono pietre famose, e non solo per merito dei loro sgargianti colori. Essi sono anche apprezzati per la loro brillantezza e la loro eccellente durezza di 7.5 che le rende molto adatte ad essere indossate. La tipica struttura esagonale dei cristalli di berillo con le sue strisce verticali in superficie, viene ritrovata principalmente in Sudamerica e nell’ Africa centrale ed occidentale. Comunque, esse si trovano anche in Madagascar, Russia , Ukraine e negli USA . Le mani esperte dei tagliatori le trasforma poi in una vasta gamma di pietre sfaccettate o di forma. Il taglio più utilizzato per i Berilli è il rettangolare o quadrato, i quali esaltano la brillantezza di luce trasparente di questa famiglia di pietre multicolore.